Alimenti che permettono di velocizzare il metabolismo: Vediamone alcuni

fagioli bianchi

Parlare di cibi deliziosi che aiutano nella dieta sembra troppo bello per essere vero, eppure non si tratta di una presa in giro né tantomeno di un’affermazione azzardata. La perdita di peso infatti si riduce alla semplice matematica e cioè mangiare meno calorie di quelle che si bruciano. Alcuni cibi possono infatti aiutare a perdere peso corporeo, poiché fanno sentire sazio più a lungo e nel contempo aiutano a frenare le voglie. Caricare il proprio carrello della spesa con un sacco di proteine magre, verdure fresche, frutta e cereali integrali è dunque la cosa più importante da fare quando si tratta di pianificare una perdita di peso duratura, è soprattutto se si preferisce dimagrire mangiando, senza dover necessariamente rinunciare al gusto.

Alcuni cibi si rivelano ideali per dimagrire poiché hanno la capacità di stimolare il metabolismo, ossia una funzione che avviene nell’organismo e che serve per trasformare gli alimenti ingeriti in energia necessaria per consentire il corretto funzionamento delle cellule. Si tratta quindi di un processo che spesso viene chiama in causa quando si tratta di gestire il peso corporeo. In riferimento a quanto sin qui premesso, ecco una mini lista dei cibi che stimolano il metabolismo.

I fagioli e le zuppe

Economici, sostanziosi e versatili, i fagioli sono un’ottima fonte di proteine, ricchi di fibre e lenti da digerire. Ciò significa che ci si sente sazio più a lungo, il che impedisce di mangiare di più, favorendo di conseguenza la perdita di peso. Iniziare un pasto con una zuppa è sicuramente un ottimo modo per mangiare di meno. Inoltre va aggiunto che non importa se la zuppa è intera o frullata, purché sia a base di brodo e consenta di non superare le 100-150 calorie per porzione.

Il cioccolato fondente

Gustare del cioccolato fondente tra i pasti è il sogno di molte persone che praticano una dieta per dimagrire. Tuttavia molti non sono a conoscenza di ciò, e quindi eliminano la sostanza a priori dal loro regime alimentare. Scegliere infatti un quadrato o due di questo classico cioccolato scuro in alternativa a quelli al latte, significa assumere appena 542 (Kcal) per 100 grammi poco più di un piatto di spaghetti al sugo di pomodoro 350 (Kcal), e con il vantaggio di soddisfare senza particolari preoccupazioni la voglia di dolce che nelle diete spesso è presente.

Verdure intere o passate

Aggiungere più verdure alla propria dieta significa dimagrire mangiando, e nel contempo offre la possibilità di godersi i cibi preferiti e di ridurre le calorie. Le prove di tale efficacia sono riscontrabili in uno studio di una nota università americana che aggiungendo ad una purea di cavolfiore e zucchine anche del formaggio, l’ha offerta a dei volontari che hanno asserito di aver mangiato abbondantemente e soprattutto con gusto ma con appena 350 calorie.

Le mele e lo yogurt

Le mele se mangiate intere riducono la voglia d’appetito in un modo decisamente migliore rispetto ad un succo o una polpa frullata. I motivi di tale differenza sono molteplici; infatti, la frutta cruda ha più fibre e se masticata invia segnali al cervello che lo convincono di aver mangiato qualcosa di sostanzioso. Tuttavia anche alcune sostanze semi-liquide possono fornire un ottimo apporto proteico e nutrizionale senza accumulare eccessive calorie.

Nello specifico si tratta dello yogurt (greco o tradizionale) che come riportato da uno studio di Harvard che ha seguito più di 120.000 persone per un decennio o più, di tutti gli alimenti che sono stati monitorati era quello più strettamente legato alla perdita di peso. Ciò non dimostra che lo yogurt ne abbia causato la perdita, ma sicuramente ha contribuito rispetto a tutti gli altri alimenti della stessa natura.

Leave a Reply